“Krishna sa che dovrai fare una lotta con la tua mente, contro i tuoi sensi e contro la tua intelligenza, però hai Lui come alleato esattamente come lo ebbero i Pandava. Ciò non vuol dire che non ci fu la battaglia; ci fu eccome! Se ti arrendi a Krishna non significa che non dovrai fare la battaglia, ma significa che la vincerai. Vincerai una grande battaglia.”

B.V.Atulananda Acarya Swami




sabato 30 gennaio 2016

Srila Prabhupada: "Buddha è Dio".


        Buddha è Dio

Lecture on Sri Isopanisad, Mantra 1 -- Los Angeles, May 3, 1970

Gargamuni leggendo: " È anche sbagliato considerare che semplicemente diventando vegetariani ci si può salvare dal trasgredire le leggi della natura. Anche i vegetali hanno la vita. Una forma di vita è destinata a nutrire un altra forma di vita, questa è la legge della natura. Uno non dovrebbe essere orgoglioso di essere un vegetariano rigoroso. Il punto è quello di riconoscere il Signore Supremo. Gli animali non hanno la coscienza sviluppata per riconoscere il Signore, ma un essere umano...
Prabhupada: Questo è il punto principale. Proprio come ci sono i buddisti, anche loro sono vegetariani. Secondo il principio buddista... oggi tutto si è deteriorato, ma la propaganda del Buddha era quella di fermare almeno i mascalzoni che uccidono gli animali. ahimsa paramo dharma. L'avvento del Buddha è descritto nello Śrīmad-Bhāgavatam e in molte Scritture vediche. sura-dviṣām. Egli è venuto per ingannare i demoni. I demoni... Ha fatto una politica tale che i demoni sono stati ingannati. Come li ha ingannati? I demoni sono contro Dio, non credono in Dio, così Buddha ha propagato: "Sì, Dio non esiste. Ma quello che dico io seguitelo". "Sì, signore." Ma lui è Dio. Questo è inganno. Sì. Essi non credono in Dio, ma credono in Buddha, e Buddha è Dio. kesava-dhrta-buddha-sarira jaya jagadīśa hare. Questa è la differenza tra un demone e un devoto. Un devoto vede in che modo Kṛiṣhṇa, Kesava, inganna questi mascalzoni. Il devoto può capire, ma i demoni pensano: "Oh, abbiamo un buon leader, lui non crede in Dio". Vedete? sammohāya sura-dviṣām (SB 1.3.24). L'esatta parola sanscrita è citata nello Śrīmad-Bhāgavatam. Quello che abbiamo letto: sammohāya, per confondere i sura-dviṣām. sura-dviṣām indica le persone che sono invidiose dei vaisnava. La classe atea, i demoni, sono sempre invidiosi dei devoti. Questa è una legge di natura. Vedete questo padre. Il Padre è diventato nemico del suo figlio di soli cinque anni. Qual era la sua colpa? Era un devoto. Questo è tutto. Un ragazzo innocente, era semplicemente attratto dal canto del mantra  Hare Kṛṣṇa. Il padre stesso è diventato un nemico convinto: "Uccidete questo ragazzo". Quindi, se un padre può diventare nemico, che dire degli altri. Ci si deve sempre aspettare che, non appena si diventa un devoto, il mondo intero diventa il tuo nemico. Questo è tutto. Ma bisogna fare un patto con loro, perché voi siete designati come servitori di Dio. La vostra missione è di illuminarli. Quindi non si può essere come Sri Nityananda: Egli fu ferito da Jagai e Madhai, ma nonostante ciò li liberò. Questo dovrebbe essere il vostro principio. A volte dobbiamo ingannare, a volte dobbiamo essere feriti, tante cose. L'unico progetto è come le persone possono diventare coscienti di Kṛiṣhṇa. Questa è la nostra missione. In un modo o nell'altro questi mascalzoni devono essere convertiti alla coscienza di Kṛiṣhṇa, in un modo o nell'altro.